La chirurgia estetica delle palpebre o blefaroplastica, è un tipo di chirurgia che modifica l'aspetto delle palpebre superiori, di quelle inferiori o entrambe. L'obiettivo è quello di migliorare l'aspetto della zona che circonda gli occhi e talvolta un campo visivo limitato dalle palpebre cadenti.

Blefaroplastica





Chirurgia estetica delle palpebre

Blefaroplastica valutazione paziente idoneo

La blefaroplastica è una procedura di chirurgia plastica popolare che fornisce un aspetto più giovanile e riduce il gonfiore o i cedimenti intorno agli occhi. L’intervento consiste in una leggera anestesia locale e sedazione endovenosa, necessarie per rimuovere il grasso in eccesso, insieme con la pelle ed il muscolo.
Prima di procedere con la chirurgia delle palpebre, ci sono una serie di valutazioni richieste per determinare se un paziente è un candidato idoneo per la blefaroplastica.

Blefaroplastica prima dopo

La palpebra superiore viene valutata in base alla presenza di un eccesso di pelle, del grasso orbitale sporgente, di pieghe delle palpebre anomale, della ghiandola lacrimale retratta o scesa.  Vi è un esame del grasso della palle della palpebra per determinare se vi è una quantità inusuale di pelle in eccesso o del grasso orbitale  sporgente.
Un altro esame è quella della piega della palpebra, nel corso del quale il medico discuterà con voi per stabilire ciò che è esteticamente attraente. Questo tipo di esame prevede che il chirurgo plastico sollevi il sopracciglio e chieda al paziente di guardare verso il basso, leggermente verso l'alto, e poi di nuovo verso il basso. Questo permetterà al medico di avere un'idea di quello che sarà visivamente più accattivante.

Blefaroplastica superiore e inferiore

I pazienti che sono affetti da palpebre cadenti (blefaroptosi) sono esaminati nel corso di una consultazione per determinare il miglior risultato possibile valutando in fase preoperatoria ciò che va fatto. Uno sguardo alla retrazione palpebrale inferiore aiuterà anche ad evitare le complicanze postoperatorie. Vi è anche la lassità della palpebra inferiore, l'acuità visiva, la secrezione lacrimale, e un test di motilità dei muscoli oculari interni prima di procedere con la chirurgia della blefaroplastica.
Vi è qualche eccezione per i candidati idonei alla chirurgia della blefaroplastica, condizioni come le malattie della tiroide e la pressione alta, o in alcuni casi i pazienti che non fanno lacrime sufficienti per tenere gli occhi ben lubrificati: questi pazienti potrebbero non essere adatti all’intervento. Le complicazioni con la chirurgia della blefaroplastica sono poche, a parte alcuni lividi e lieve gonfiore. L’offuscamento della vista potrebbe essere un problema temporaneo, ma generalmente esso dipende dagli unguenti usati, i quali vengono applicati sulla incisione nel post-operatorio.