La chirurgia plastica ha due rami: la chirurgia estetica e la chirurgia plastica ricostruttiva. Gli interventi di chirurgia estetica si occupano di migliorare l'aspetto estetico di una persona, mentre la chirurgia plastica può includere questo, o solo la ricostruzione (chirurgia ricostruttiva).

Chirurgia estetica e plastica





Chirurgia estetica plastica e ricostruttiva

Chirurgia estetica e plastica

Solo perché il nome include la parola "plastica" non vuol dire che i pazienti che hanno questo tipo di chirurgia finiscono con la faccia piena di “roba” finta. Il nome non è preso dalla sostanza sintetica ma dalla parola greca plastikos che significa formare o modellare (e che conferisce anche al materiale plastico il suo nome).

La chirurgia plastica è un particolare tipo di chirurgia che può coinvolgere sia l'aspetto estetico di una persona che le sue capacità funzionali (come la respirazione nasale, ad esempio). I chirurghi plastici si sforzano di migliorare l'aspetto dei pazienti e l'immagine di sé attraverso procedure sia ricostruttive che estetiche.

  • Le procedure ricostruttive correggono difetti del viso o del corpo. Esse comprendono i difetti fisici di nascita come le schisi delle labbra e del palato, le malformazioni delle orecchie, le lesioni traumatiche come quelle da morso di cane, le bruciature, le conseguenze di trattamenti di malattia come la ricostruzione del seno di una donna dopo un intervento chirurgico per cancro al seno.
  • Le procedure cosmetiche (chiamate anche estetiche) alterano una parte del corpo di cui la persona non è soddisfatta. Procedure estetiche comuni comprendono la mastoplastica additiva per l’aumento della dimensione del seno femminile, la mastoplastica riduttiva per ridurre le dimensioni del volume di un seno prosperoso, il  rimodellamento del naso ( comunemente anche detta rinoplastica ), e la liposuzione che riguarda la rimozione di sacche di grasso da zone specifiche del corpo. Alcune procedure cosmetiche chirurgiche non riflettono nemmeno il modo in cui che la maggior parte della gente pensa alla chirurgia – ovvero taglio e cucitura. Ad esempio, l'uso di laser speciali per rimuovere i peli superflui e levigare la pelle per migliorare gravi cicatrici sono due trattamenti di chirurgia plastica.

Perché gli adolescenti vogliono la chirurgia plastica?

La maggior parte dei ragazzi non la vogliono, naturalmente. Ma alcuni sì. È interessante notare che l'American Society of Plastic Surgeons (ASPS) riporta una differenza nelle motivazioni che danno i ragazzi nel richiedere un intervento di chirurgia plastica e gli adulti: gli adolescenti vedono la chirurgia plastica come un modo per adattarsi ed essere accettati dagli amici e coetanei. Gli adulti, invece, spesso vedono la chirurgia plastica come un modo per distinguersi dalla folla.
Il numero di adolescenti che scelgono di ottenere la chirurgia plastica è in aumento. Secondo l’ ASPS, oltre 331.000 persone di 18 anni e più giovani ha avuto almeno un intervento di chirurgia plastica nel 2005, in crescita rispetto ai circa 304.000 nel 2000.

Alcune persone si rivolgono alla chirurgia plastica per correggere un difetto fisico o per modificare una parte del corpo che le fa sentire a disagio. Ad esempio, ragazzi con una condizione chiamata ginecomastia ( eccesso di tessuto mammario ) che non va via con il passare del tempo o con la perdita di peso, possono optare per un intervento chirurgico di riduzione. Una ragazza o ragazzo con una voglia può rivolgersi a un trattamento laser per attenuarne la visibilità.

Altre persone decidono che vogliono un cambiamento estetico perché non sono contente del modo in cui appaiono. Gli adolescenti che hanno procedure estetiche, come ad esempio l’ otoplastica (intervento chirurgico per fissare vicino alla testa le orecchie che sporgono) o la dermoabrasione (una procedura che può aiutare a rendere meno visibili o camuffare le cicatrici da acne grave) - a volte si sentono più a proprio agio con il loro aspetto dopo la procedura.

Le procedure più comuni richieste dagli adolescenti sono la rinoplastica, l’ otoplastica (chirurgia delle orecchie), il trattamento dell’acne e delle cicatrici da acne, e la riduzione del seno (mastoplastica riduttiva).

È la chirurgia plastica la scelta giusta?

La chirurgia ricostruttiva aiuta a riparare difetti o problemi significativi. Ma che dire sul fatto di avere interventi di chirurgia estetica solo per cambiare il proprio aspetto? È una buona idea per gli adolescenti? Come per ogni cosa, esistono ragioni giuste e sbagliate per richiedere un intervento chirurgico. La chirurgia estetica è improbabile che cambi la vita. La maggior parte dei chirurghi plastici specializzati passano molto tempo a dialogare con i ragazzi che vogliono fare un intervento di chirurgia plastica, per decidere se sono buoni candidati per la chirurgia. I medici vogliono assicurarsi che i ragazzi siano emotivamente abbastanza maturi da gestire un intervento sul proprio corpo e che stiano agendo per le giuste ragioni.

Molte procedure di chirurgia plastica sono propriamente “chirurgiche”. Esse comportano l'anestesia, la guarigione della ferita, e altri rischi gravi. I medici che eseguono tali procedure vogliono sapere che i loro pazienti sono in grado di comprendere e gestire lo stress di un intervento chirurgico.
Alcuni medici non eseguono alcun intervento ( come la rinoplastica ) su un adolescente finché non sono sicuri che la persona sia abbastanza matura e abbia smesso di crescere. Per la rinoplastica, ciò significa circa 15 o 16 anni per le ragazze e circa un anno in più per i ragazzi.
Le ragazze che vogliono ingrandire il seno per ragioni estetiche di solito devono avere almeno 18 anni, perché le protesi saline sono approvate solo per donne dai 18 anni in su. In alcuni casi, tuttavia, ad esempio quando c'è un’ enorme differenza di dimensioni tra i seni o un seno non è riuscito affatto a svilupparsi, un chirurgo plastico può essere coinvolto prima del tempo.

Cose da considerare

Qui ci sono alcune cose a cui pensare se state pensando di avere un intervento di chirurgia plastica:

  • Quasi tutti i ragazzi (e molti adulti) sono consapevoli del proprio corpo. Quasi tutti desiderano modificare una parte o due del proprio corpo. Una gran parte di questa autocoscienza si allontana con il tempo. Chiedetevi se state pensando alla chirurgia plastica perché la desiderate per voi stessi o per compiacere qualcun altro.
  • Il corpo di una persona continua a cambiare nel corso degli anni dell'adolescenza. Parti del corpo che potrebbero apparire troppo grandi o troppo piccole ora, possono diventare più proporzionate nel tempo. A volte, per esempio, quello che sembra un naso più grande della giusta dimensione nel periodo adolescenziale, raggiunge un equilibrio di proporzioni rispetto al resto del viso una volta che la persona raggiunge la maturità dello sviluppo.
  • Mantenersi in buona forma attraverso il controllo del peso e l’ esercizio fisico adeguato può fare grandi cose per la bellezza di una persona senza intervento chirurgico. Non è mai una buona idea scegliere la chirurgia plastica come prima opzione per qualcosa come la perdita di peso che può essere corretta in modo non chirurgico. Il bypass gastrico o la liposuzione possono sembrare correzioni facili e veloci rispetto ad attenersi ad una dieta. Entrambe queste procedure, tuttavia, comportano dei rischi molto maggiori rispetto ad una dieta, ed i medici dovrebbero limitarsi a considerare casi estremi, quando tutte le altre opzioni hanno fallito.
  • Gli stati emotivi di alcune persone hanno un effetto molto grande sul modo in cui esse pensano di apparire. Le persone depresse, estremamente autocritiche, o che hanno una visione distorta del modo in cui realmente appaiono, a volte pensano che cambiando il proprio aspetto risolverà i loro problemi. In questi casi, ciò non sarà vero. Affrontare ed elaborare il problema emotivo con l'aiuto di un terapeuta esperto è una migliore soluzione. In realtà, molti medici non eseguono un intervento di chirurgia plastica sugli adolescenti che sono depressi o hanno altri problemi di salute mentale fino a quando questi problemi non vengono prima trattati.

Chirurgia plastica: Che cosa comporta?

Se state pensando ad un intervento di chirurgia plastica, parlatene con i vostri genitori. Se siete decisi e i vostri genitori sono d'accordo, il passo successivo è l'incontro con un chirurgo plastico per aiutarvi ad imparare cosa aspettarsi prima, durante e dopo la procedura - nonché eventuali possibili complicanze o aspetti negativi legati all'intervento. A seconda della procedura, si può sentire un certo dolore in fase di recupero, e temporanei gonfiori o lividi possono rendervi meno piacevoli per un po’ di tempo.

Procedure e tempi di guarigione variano in base al tipo di intervento, quindi vi consigliamo di fare una ricerca personalizzata per trovare le informazioni della procedura che vi riguarda. È una buona idea scegliere un medico che sia specializzato in chirurgia plastica o maxillo facciale (quest’ultima per gli interventi inerenti al solo viso).
Anche il costo sarà probabilmente un fattore di valutazione.
Le procedure elettive (per scopi estetici) di chirurgia plastica possono essere costose. Anche se il sistema sanitario nazionale copre molti interventi ricostruttivi, il costo delle procedure cosmetiche quasi sempre arriva direttamente sulle tasche del paziente. Ad esempio, la chirurgia plastica per l’aumento del seno (la mastoplastica additiva) è considerata una procedura puramente estetica e raramente è coperta dal sistema sanitario nazionale. Ma la chirurgia di riduzione del seno (mastoplastica riduttiva) può essere coperta perché i seni di grandi dimensioni a molte ragazze possono causare disagio fisico e anche dolore.

La chirurgia plastica non è qualcosa su cui precipitarsi a capofitto. Se state valutando di fare un intervento di chirurgia plastica, scoprite quante più informazioni possibili sul procedimento specifico e parlartene con medici ed i vostri parenti. Una volta che avete valutato con giudizio, potrete decidere se l'intervento è adatto alle vostre esigenze.